Derecho a morir y abuso del derecho. La inadmisibilidad del caso Gross v. Suiza Comentario a la Sentencia de la Gran Sala del Tribunal Europeo de Derechos Humanos de 30 de septiembre de 2014

  • Marta Albert | marta.albert@urje.es Profesora de Filosofía del Derecho, Facultad de Ciencias Jurídicas y Sociales, Universidad Rey Juan Carlos, Spagna.

Abstract

L’articolo commenta la recente sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo (Grande Camera), nel caso Gross vs Svizzera (30 settembre 2014). In questa importante risoluzione, è stata dichiarata l’inammissibilità del caso (a causa di un abuso nell’applicazione del diritto del ricorrente, dovuto al fatto che la ricorrente intendeva indurre in errore la Corte relativamente alla sua morte), e la sentenza della Seconda Sezione della Corte del maggio 2013 è stata invalidata. Quest’ultima affermava un diritto a decidere sulla propria vita derivandolo dal diritto alla privata e familiare stabilita dall’articolo 8 della Convezione europea dei diritti dell’uomo, e ha condannato la Svizzera per la violazione di questo diritto, dovuto all’impossibilità di Gross di accedere alla prescrizione di un farmaco letale per porre fine alla sua vita. L’articolo riesamina il caso studio della Corte europea dei diritti dell’uomo e il riferimento all’abuso di diritto, al fine di sostanziare il suo rifiuto di considerare la propria morte come un diritto. Infine, il rilievo di questa sentenza è messo in evidenza, considerando la successiva decisione della Corte nel caso Lambert, dopo che la Quinta Sezione ha rinunciato alla sua giurisdizione in favore della Grande Camera, che ha dovuto prendere una decisione in riferimento all’esistenza di un ipotetico diritto a morire.
----------
The paper comments on the recent sentence of the European Court of Human Rights (Grand Chamber), in the case of Gross v. Switzerland (30 september 2014). In this important resolution, the inadmissibility of the case is declared (by reason of the applicant’s abuse of the right of application, due to the fact that the applicant intended to mislead the Court about her own death), and the sentence of the Second Section of the Court, done on may 2013, becomes invalidated. This last sentence affirmed a right to decide about the own life as a part of the right to private and family life established on article 8 of the European Convention of Human Rights, and condemned Switzerland by the violation of this right, due to the impossibility of Gross of acceding to the prescription of a lethal drug to end her life. The paper revises the case-law of the European Court of Human Rights and the institution of abuse of right in order to base its refusal to the consideration of the own death as a right. Finally, the relevance of this sentence is underlined, taking into account the next decision of the Court in Lambert case, after the 5th Section has relinquished jurisdiction in favour of the Grand Chamber, which must take a decision about the existence of an hypothetical right to die.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili
Pubblicato
2014-12-30
Sezione
Original Articles
##article.stats##
Abstract views: 438

PDF: 2
##article.share##
Come citare
Albert, M. (2014). Derecho a morir y abuso del derecho. La inadmisibilidad del caso Gross v. Suiza Comentario a la Sentencia de la Gran Sala del Tribunal Europeo de Derechos Humanos de 30 de septiembre de 2014. Medicina E Morale, 63(6). https://doi.org/10.4081/mem.2014.39