Open Access Open Access  Accesso riservato Abbonamento o quota di accesso

A tre anni dalla Legge 40/2004 sulla “procreazione medicalmente assistita” Un esame critico della relazione del Ministro della Salute

Carlo Casini

Abstract

Il presente contributo esamina in modo critico e ragionato la Relazione ministeriale relativa all’applicazione della Legge 40 del 2004 in materia di procreazione medicalmente assistita del 28 giugno 2007. L’obiettivo è quello di dimostrare che – contrariamente a quanto affermato - proprio in base ai dati lacunosi e strumentalizzati riportati nella Relazione ministeriale, la legge “ha funzionato”; ha raggiunto, cioè, le finalità – che risultano dalla norma stessa - di proteggere il diritto alla vita del concepito (riducendo nel massimo grado possibile la sua distruzione) e superare, nei limiti del possibile, le cause di sterilità. In modo preciso e puntuale, l’articolo dimostra che, non solo è stata grandemente ridotta l’eliminazione premeditata di embrioni umani, ma anche che non vi è stata alcuna riduzione di efficacia delle tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA) in ordine allo scopo di ottenere gravidanze e nascite di bambini. La linea seguita dall’Autore non è quella “negativa” di difendere la legge negando valore probatorio alla Relazione ministeriale, bensì quella “positiva” dimostrare piena efficacia della Legge proprio in base ai pur lacunosi dati forniti dal ministro. La tesi è che la Legge ha tutelato in misura significativa il diritto alla vita dei concepiti e non ha affatto ridotto l’efficacia delle tecniche di PMA.
----------
The present contribution examines in a critical and reasoned way the ministerial report (June 28th 2007) on the application of the Law 40/2004 on medically assisted reproduction. The aim is to show that – contrarily to what have been claimed – just in base to the sketchy and exploited data reported in the ministerial report, the law “worked”; that is to say, it reached the purposes – that result from the norm itself – to protect the right to the life of the conceived subject (reducing in the maximum possible degree his/her destruction) and to overcome, as far as possible, the causes of sterility. In a precise and punctual way, the article shows that, not just the intentional elimination of human embryos has been greatly reduced, but also that there has not been any reduction of effectiveness of the techniques of medically assisted reproduction (PMA) in order to obtain pregnancies and births of babies. The line followed by the Author is not that “negative” to defend the law denying probative value to the ministerial report, on the contrary that “positive” to show the full effectiveness of the Law just in base to the though sketchy data furnished by the Minister. The thesis is that the Law has protected in a meaningful measure the right to the life of the conceived subject and it has not at all reduced the effectiveness of the PMA techniques.

Parole chiave

Legge 40/2004, procreazione medicalmente assistita, embrione / Law 40/2004, medically assisted reproduction, embryo

Full Text

PDF
Submitted: 2016-08-11 14:41:21
Published: 2007-08-30 00:00:00
Search for citations in Google Scholar
Related articles: Google Scholar
Abstract views:
241

Views:
PDF
1

Article Metrics

Metrics Loading ...

Metrics powered by PLOS ALM
 
© PAGEPress 2008-2019     -     PAGEPress is a registered trademark property of PAGEPress srl, Italy.     -     VAT: IT02125780185     •     Privacy