Il concetto di verità in etica

  • Fabrizio Turoldo | fturoldo@unive.it Professore Associato di Filosofia Morale, Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali, Università “Ca’ Foscari”, Venezia, Italy.

Abstract

Il tema della verità etica viene affrontato, nel presente articolo, secondo due direttrici: quella storica e quella teorica. La ricostruzione storica tocca alcuni snodi fondamentali, a partire dalla teorizzazione aristotelica della verità, secondo la quale la verità, così come l’essere, si dice in molti modi. In secondo luogo l’articolo si sofferma sulla nozione cristiano-medievale della verità, che intende la verità come una persona, ovvero la persona stessa di Cristo. La terza tappa del percorso attraversa la modernità, un’epoca in cui ci sia allontana dalla nozione aristotelico-scolastica di una verità che si dice in molti modi, per inseguire un paradigma omologante, che è quello rappresentato dal modello scientifico di verità. Il passaggio dalla modernità alla contemporaneità, che costituisce la quarta tappa del tragitto, vede la crisi del modello scientifico di verità e la definizione di un significato specifico di verità morale, capace di andare oltre l’angusto significato attribuito dalla scienza a questo concetto. Infine, una volta riconquistata la specificità della verità etica, al di là dell’univocismo moderno, rimane il compito di determinarne le caratteristiche, compito che viene affidato all’ultima tappa del percorso teorico del presente saggio. Questo compito è stato affrontato con l’aiuto di alcune preziose indicazioni del filosofo francese Paul Ricoeur, che ha messo in evidenza tre caratteristiche specifiche della verità etica: 1. l’aspetto probabilistico; 2. il carattere creativo; 3. la dimensione ermeneutica.
----------
The subject of ethical truth is addressed, in this article, under two different perspectives: the historical and the theoretical one. The historical reconstruction touches on some fundamental points, starting from Aristotelian theorization of truth, which considers truth, as well as being, an analogical concept. The article, then, examines the Christian and medieval notion of truth, which considers truth as a person, that is the same person of Christ. The third stage of our journey walks across modernity, a period during which the Aristotelian and analogical notion of truth is dismissed, in favor of a scientific model of truth, which becomes a univocal paradigm. The transition from modern to contemporary age, which represents the fourth stage of our journey, sees a crisis of the scientific model of truth, so that a peculiar meaning of moral truth, beyond the scientific concept of truth, could be re-conquered. Finally, once re-conquered the peculiar meaning of moral truth, beyond modern scientific uniqueness, remains the task of determining its characteristics, task which is attributed to the final stage of this theoretical journey. A fundamental help in carrying out this task comes from the French philosopher Paul Ricoeur, who emphasizes three basic features of moral truth: 1. the probabilistic aspect; 2. the creative character; 3. the hermeneutical dimension.

Dimensions

Altmetric

PlumX Metrics

Downloads

Download data is not yet available.
Published
2015-06-30
Info
Issue
Section
Original Articles
Keywords:
Verità, scienza, Paul Ricoeur / Truth, science, Paul Ricoeur
Statistics
  • Abstract views: 1438

  • PDF (Italiano): 2
How to Cite
Turoldo, F. (2015). Il concetto di verità in etica. Medicina E Morale, 64(3). https://doi.org/10.4081/mem.2015.20